sabato 5 giugno 2010

I paradossi della comunicazione



Brutto scivolone del governo israeliano che è ancora al centro delle polemiche scatenate dal blitz contro la flotta pacifista. L'ufficio stampa del governo israeliano ha divulgato per errore un video-farsa proprio sul sanguinoso arrembaggio costato la vita a nove persone: creato da Latma Tv, il video sta spopolando su YouTube. Si intitola «Flotilla - We con the world» (Flotilla - Noi inganniamo il mondo) ed è la parodia di «We are the world».

Il governo israeliano ha inviato per e-mail il link a una serie di giornalisti, tra cui quelli di BNO News. Ci sono volute quasi tre ore perchè i funzionari israeliani si rendessero conto della gaffe e tentassero di rimediare inviando un messaggio di annullamento del precedente. Dopo altri venti minuti Efraim Roseman, uno dei portavoce dell'ufficio stampa, ha inviato un ulteriore messaggio di rettifica con maggiori dettagli: «Qualche ora fa, abbiamo inavvertitamente diffuso il link di un video che avevamo ricevuto, che dovevamo valutare con attenzione, non diffondere pubblicamente». E ancora: «Il contenuto di quel video non riflette in alcun modo la politica ufficiale dello Stato di Israele, dell'ufficio stampa del governo e di ogni altri istituzione pubblica».

Nel video si vedono presunti attivisti della Mv Mavi Marmara che cantano sulle note dell'hit del 1985, scritta da Michael Jackson e Lionel Ritchie. Ma i testi sono cambiati: «Arriva un momento in cui si deve fare uno show, per il mondo, per il web, per la Cnn», canta un uomo vestito da capitano della nave. «Non c'è nessuno che muore, quindi la cosa migliore è organizzare un bluff». La canzone prosegue dicendo che gli attivisti devono insistere nel «far finta che a Gaza ci siano crisi, fame e malattia». «Perchè miliardi di dollari d'aiuti non soddisferanno le esigenze fondamentali, come un po' di formaggio e missili per i bambini».

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it