mercoledì 2 febbraio 2011

Deputato Pdl guarda le prostitute sull'Ipad in Parlamento

Martedì 26 gennaio, Camera dei Deputati, discussione sulla mozione di sfiducia al ministro dei Beni culturali Sandro Bondi.
Un deputato del Pdl si mette a navigare su internet con il suo Ipad tenuto in bella vista e, guarda caso, finisce su un sito a luci rosse, escortforum.net, a decidere a quale prostituta dare la -propria, personale- fiducia.

L'onorevole poco onorevole è Simeone Di Cagno Abbrescia, nato a Paolo del Colle il primo aprile del 1944. Imprenditore nel settore immobiliare e del turismo, si è laureato in giurisprudenza prima di aderire a Forza Italia sin dalla sua fondazione. Eletto sindaco di Bari nel 1995, ha ricoperto l'incarico sino al 2004. Nel 2006 è stato eletto alla Camera dei deputati per Forza Italia, dove è stato riconfermato nel 2008 nelle liste del Popolo delle Libertà. Nel 2009 è stato nuovamente candidato sindaco di Bari, venendo sconfitto dal sindaco uscente Michele Emiliano.

La sua difesa: "[...] questo è lo scotto che dobbiamo pagare noi che non siamo abituati a navigare sul computer, a usare questo nuovo Ipad [...] Era uno spot, una pubblicita’ di quelle che compaiono all’improvviso. E’ stata una cosa di un istante. Figuriamoci se mi metto a cercare i siti porno… Io stavo guardando le agenzie di stampa e i siti dei quotidiani e poi e’ apparsa questa pagina all’improvviso [...] mi ci sono soffermato un secondo, e’ stato cosi’, per una leggerezza…"

A parte che persone più informate di me sostengono che sull'Ipad i pop up non compaiono, le giustificazioni del deputato Pdl risultano quantomeno ridicole e offensive nei confronti della nostra intelligenza.

Emblematico a questo proposito il commento giustificatorio del Giornale:

"Poi diciamolo, che se non li obbligassero ad avere l'iPad,

i deputati correrebbero meno rischi."

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it