venerdì 13 aprile 2018

Registi di Parma - Intervista ad Alessandro Bertoncini


Registi di Parma – Intervista ad Alessandro Bertoncini

Era giovedì 15 gennaio 2015 quando l’opera d’esordio di Bertoncini, Fade – Storia degli ultimi giorni, è stata proiettata al cinema Astra di Parma. Ero presente, e ricordo ancora con piacere il coraggio, l’audacia, la passione che quell’evento e quell’opera mi avevano trasmesso.
Alessandro aveva 21 anni. Dopo gli studi a Roma, sta attualmente lavorando come Direttore della Fotografia.


Riferimenti culturali

1) Da dove nasce il tuo amore per il cinema?
Me lo ha trasmesso mio padre. Mi portava al cinema fin da quando ero piccolo. A Parma c’erano diversi cinema tra cui il Lux ed il Capitol Multiplex. La struttura di quest’ultimo mi dava la sensazione di essere parte di qualcosa di grande.

2) Quali sono i tuoi registi di riferimento?
David Fincher, Steven Soderbergh, Ridley Scott, Kornél Mundruczò e Frederick Wiseman.

3) Quali film annoveri tra i capolavori?
Sono i tre film che mi fanno amare il mio mestiere: Zodiac, Blade Runner e Alien.

4) Quali sono i film che riguarderesti all’infinito?
Ho l’ossessione per i film americani e canadesi. Avendo la fortuna di poter vedere molti film, grazie al lavoro che faccio, cerco di imparare qualcosa ad ogni visone.

5) Quali sono i gruppi e/o cantanti che ascolti abitualmente?
Prediligo il rock e folk anglosassone. Ascolto Springsteen, Tom Petty, fino ad Alexi Murdoch e Josh Ritter.

6) Quali sono i libri e gli autori letterari che ami?
Tutto Paul Auster, a cui devo molto del mio lavoro di fotografo. È un autore estremamente visivo e lo amo perché è come sedersi su un divano ed ascoltare un vecchio saggio che ti racconta la sua vita.

Durante la lavorazione di Fade
Processo creativo

7) Da quali idee/influenze nascono i tuoi lavori?
In questo momento, curando la fotografia, mi confronto con il regista su quello che vuole (difficilmente mi è stata data carta bianca sul progetto, il che è un bene) e poi gli porto delle mie proposte. Da lì decidiamo il look definitivo del film.

8) Quando trovi il tempo per scrivere il soggetto e la sceneggiatura?
Mi prendo più tempo possibile, ameno otto mesi, perché devi dare il tempo al film di cambiare e crescere.

9) Cortometraggio o lungometraggio? Perché?
Dipende da cosa si vuole raccontare. Trovo che fare dei cortometraggi al giorno d’oggi sia quasi inutile se non per scopi fini a se stessi come può essere un’esercitazione. Ogni anno vado al Marché di Cannes e all’EFM di Berlino e ci sono sempre più filmmaker con idee eccezionali. Abbiamo a disposizione il digitale che ci premette di dare libero sfogo al nostro cervello e individuare soluzioni per adattarci ai mezzi che abbiamo a disposizione. Non è importante avere un carrello o un crane, ma piuttosto avere delle bandiere ed un set decente di proiettori e pannelli riflettenti.

10) Le scene sono frutto di immaginazione o attingi da racconti ed esperienze di vita?
A livello di luce cerco sempre di prendere ciò che vedo nella vita reale e “portarlo allo stremo”. Mi piace molto lavorare in sottoesposizione (anche perché è il miglior modo per approcciarsi al digitale). Questo mi permette di giocare molto con la luce che arriva sugli attori.

11) I personaggi sono ispirati a persone reali?
Nell’unica sceneggiatura che ho scritto, ovvero quella di Fade, sono partito dall’idea di raccontare qualcosa di estremamente reale. Sono sempre stato affascinato dal documentario e il pensiero di base era quindi questo: rappresentare ciò che vediamo tutti i giorni in forma “spettacolare”.

12) Sei incline a pensare ad ambientazioni e personaggi in un contesto comico, drammatico o fantascientifico?
Penso che un bravo regista sappia integrare più generi nello stesso contesto. Di recente ho lavorato ad un progetto di fantascienza tratto da un libro di Richard Mattheson. La cosa che mi ha sorpreso è stato come la regista sia riuscita ad integrare il rapporto madre-figlia nel contesto, ed è stato parecchio divertente anche dal punto di vista fotografico perché ho dovuto creare un’immagine luminosa per dare risalto alla villa nella quale viveva la madre, nonostante fosse una scena molto tesa.

13) Cosa cerchi di comunicare? A chi?
Bisogna anzitutto comunicare con se stessi, trovare nella storia qualcosa che ci affascina e poi essere capaci di rendere quel concetto interessante anche per il pubblico.

Film still da Fade
Processo realizzativo

14) Come scegli gli attori?
Con Fade mi sono avvalso di attori esordienti e con poca esperienza alle spalle in modo che non fossero “impostati” e si sentissero più liberi possibile.

15) In base a cosa scegli le location?
Difficilmente capita che lo scenografo decida di cambiare i colori di una stanza, per via della mancanza di budget. Quindi scegliamo una casa che abbia il più possibile le caratteristiche che stiamo cercando.

16) Preferisci girare in interni o in esterni?
In interni, perché posso direzionare la luce come voglio.

17) Che macchina da presa utilizzi? Qual è il suo maggior pregio?
Di solito giro in RED, una macchina che uso ormai da molti anni. Ha un’ottima latitudine di posa e soprattutto è una macchina digitale che non tenta di rievocare la pellicola.
Per accentuare i colori faccio uso di vecchie lenti e filtri.

18) Qual è il tuo movimento di macchina preferito? Quale usi più spesso?
Dipende dalla storia che racconto, ma tento quanto più possibile di fare delle carrellate lente in avvicinamento agli attori.

19) Com’è organizzata una tua giornata di riprese?
Ci si trova sul set con gli attori, il regista parla con me e mi dice esattamente come vuole la scena. Poi chiedo un tempo che va dai 20 ai 30 minuti durante il quale insieme a macchinisti ed elettricisti prepariamo i settaggi di illuminazione.

20) La sceneggiatura cambia in corso d’opera?
Sempre. Deve essere cosi. Spesso si tolgono o aggiungono scene che pensi sul momento. È naturale.

21) Lasci i tuoi attori liberi di improvvisare?
Penso che quando hai dei bravi attori devi lasciarli liberi di improvvisare. Sono loro quelli che possono portare la scena ad un livello più alto. Il bravo attore è capace di avere il lampo di genio durante il take e portare la scena in una direzione inaspettata.

22) Quali indicazioni dai più spesso ai tuoi attori?
In Fade parlavamo del climax della scena.

23) Hai dei collaboratori?
Si, un gruppo di giovani macchinisti ed elettricisti fidati.

24) Quanto è importante la musica nei tuoi film? Dove preferisci utilizzarla?
Come direttore della fotografia trovo che la musica sia il mio primo strumento. Immagino sempre la scena con una musica di sottofondo e penso ai movimenti di camera, all’illuminazione ecc. Poi, una volta deciso il mood, vedo se funziona con la scena in totale silenzio.

25) Quanto ritieni sia importante il montaggio?
Se il direttore della fotografia è il braccio destro del regista, il montatore è la sua mente. È colui che può mettere in pratica il mood del film, renderlo possibile.

Film still da Fade
Il prodotto finito

26) Hai vinto qualche premio/riconoscimento? Con quali opere?
Ho partecipato a diversi festival con alcuni corti fatti alla scuola di cinema, tra cui lo SFC del festival di Cannes.

27) Sei soddisfatto dei tuoi lavori? Quale ti rappresenta maggiormente?
A livello fotografico sono soddisfatto dei miei lavori recenti perché sono quelli più maturi e perché ho trovato un asset visivo-narrativo che mi piace.

28) Progetti futuri?
Per ora una commedia sperimentale prodotta da un giovane produttore che ha lavorato per anni in America per cui nutro una grande stima.


Filmografia parziale

-       - FADE – STORIA DEGLI ULTIMI GIORNI (2015)

  
Biografia

Alessandro Bertoncini è nato a Parma il 19 dicembre 1994.
Ha conseguito nel 2017 la laurea triennale in Direzione della Fotografia alla RUFA (Rome University of Fine Arts). Attualmente lavora come Direttore della Fotografia. 


showreel Alessandro B. Bertoncini from Alessandro B. Bertoncini on Vimeo.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it