domenica 5 gennaio 2014

Novità da Blockbuster. Holy Motors & To The Wonder

To The Wonder 
di Terrence Malick 
con Ben Affleck, Olga Kurylenko, Rachel McAdams, Javier Bardem 
Drammatico, 112 min., Usa, 2012 
*** 

Da molti considerato come un incidente di percorso nella carriera di Malick, il film è piuttosto un’opera concepita sull’onda del processo creativo che ha raggiunto il suo apogeo con il capolavoro precedente, The Tree of Life. La perfezione delle immagini (le migliori del cinema contemporaneo, grazie al lavoro del direttore della fotografia Emmanuel Lubezki) continua a riempire la nostra anima, come pure la musica scelta (in questo caso svetta Bach), ma c’è effettivamente qualche punto debole di troppo, soprattutto a livello  narrativo. Il montaggio non segue con precisione la rarefazione del racconto (come invece accadeva in The Tree of Life) e così ci troviamo di fronte a troppe scene ripetitive che non ci permettono di scavare nella storia per riuscire a comprenderne appieno il senso. Capiamo solo che Neil (Affleck) e Marina (Kurylenko) vivono una storia d’amore che non riesce a funzionare. Dalle immagini desumiamo che forse la colpa è imputabile a questioni ambientali: Marina, parigina, non si trova a proprio agio negli USA delle immense distese di campi e delle villette sorte in mezzo al nulla (in questo ci ricorda una figura complementare rispetto alla Pocahontas del finale di The New World). Oltre a questo buono spunto, però, ci sono troppi argomenti non approfonditi, come la crisi spirituale di padre Quintana (Bardem) che è interessantissima e che avrebbe meritato uno spazio maggiore e ben più rilevante. Infine, due banali errori che si sarebbero potuti evitare: la scelta di Affleck, la cui fisicità non si sposa con la grazia (comunque anche troppo enfatizzata) della Kurylenko; l’inserimento delle scene in cui appare Romina Mondello, fuori contesto anche a causa di frasi stucchevoli come “Io sono l’esperimento di me stessa”.


Holy Motors 
di Leos Carax 
con Denis Lavant, Eva Mendes, Kylie Minogue, Edith Scob Drammatico, 110 min., Francia-Germania, 2012 
** 

Holy Motors è metacinema, ovvero cinema che riflette su se stesso. Difficile dire se lo faccia bene o se lo faccia male. La critica si è divisa in due, mentre il pubblico dei cinefili è praticamente concorde nel dire che si tratta di uno dei più importanti film della storia della settima arte (almeno di quella contemporanea). È indubbiamente consolatorio vedere un’opera che cerca di scongiurare la morte del cinema attraverso la sua celebrazione. Tuttavia è pericoloso e non necessariamente azzeccato il modo in cui lo fa Carax. Diversamente da Buster Keaton, che nel capolavoro La Palla n. 13 (Sherlock Jr., 1924) entrava nello schermo e dimostrava come il cinema sia il luogo delle meraviglie e delle eterne possibilità, qui ci troviamo di fronte a Monsieur Oscar, che nell’arco di 24 ore viaggia su una limousine/camerino e assume diverse identità per prendere parte come protagonista a varie scene che ora si svolgono sul ponte Alexandre III, ora nel cimitero Père-Lachaise. Ogni episodio risponde ad un genere cinematografico ed è legato (flebilmente) al precedente dal protagonista. Tutti insieme, gli episodi dovrebbero essere i tasselli di una più generale riflessione sul cinema in cui si riflette sull’identità e i ruoli nella vita e nella finzione, la contemporaneità e il rapporto tra realtà e finzione. Peccato che il tutto rimanga a livello d’intenzione, perché il film procede per accumulazione risultando confuso, cervellotico, frutto di un buon tecnico che però non ha la necessaria preparazione culturale per partorire un’opera che non sia solo ben eseguita ma anche pregna di significato. Certo, c’è qualche buona trovata come l’inserimento degli indirizzi internet al posto delle epigrafi sulle lapidi del Père-Lachaise, ma è anche da queste scelte che si constata come la riflessione si concentri più sui significanti che sui significati rimanendo molto a livello superficiale, per un risultato quasi infantile. Come l’imbarazzante finale (forse il peggiore di questi ultimi anni) in cui ci sono le limousine che parlano tra loro.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it