domenica 15 agosto 2010

Stagione cinematografica 2009-2010


Leggo su «Repubblica.it», nella pagina Cultura&Spettacoli, un articolo in cui Chiara Ugolini riporta una classifica di Trovacinema. Nell’elenco figurerebbero le migliori pellicole della stagione 2009-2010 secondo gli utenti. Ecco il countdown:


10. Gli abbracci spezzati di Pedro Almodovar.
9. Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino.
8. Sherlock Holmes di Guy Ritchie.
7. Il riccio di Mona Achache.
6. Tra le nuvole di Jason Reitman.
5. Mine vaganti di Ferzan Ozpetec.
4. Baarìa di Giuseppe Tornatore.
3. La prima cosa bella di Paolo Virzì.
2. Il concerto di Radu Mihailehanu.
1. Avatar di James Cameron.

Questa è la ragione per la quale, prima di vedere un film, evito i giudizi degli utenti contenuti in siti internet quali Trovacinema o MyMovies. Di fronte a questa top ten, infatti, rabbrividisco. Sarebbe più corretto chiamarla flop ten. Certamente con qualche eccezione.
Vado ad argomentare:
- Gli abbracci spezzati, Il riccio, Mine vaganti, La prima cosa bella: non posso giudicare in quanto non li ho visti. Riparerò al più presto;
- Bastardi senza gloria: si salva. Indubbiamente un bel film. Il primo quarto d’ora è un capolavoro di cinema. Per il resto buono ma non la miglior prova del regista.
P.s. Non tutti sanno che... questo è un film d’amore. Per stessa ammissione del regista la storia mette in scena una storia d’amore impossibile, ovvero quella tra il giovane tedesco e la giovane ebrea padrona di un cinema parigino. Entrambi amanti del cinema si sarebbero potuti amare ai nostri giorni ma non negli anni quaranta, anni di guerre e di odio tra tedeschi ed ebrei. Sottile;
- Sherlock Holmes: Bocciato. Assolutamente mediocre e tedioso. Ho detto tutto;
- Tra le nuvole: si salva. Bel film;
- Baarìa: si salva in corner. Molto rumore per nulla. È un film ruffiano e il finale è assurdo, inutile;
- Il concerto: bocciato. Storia trita e ritrita fatta di stereotipi. Per far sorridere bisogna necessariamente mettere in scena ebrei avari e russi ubriaconi? Basta!
- Avatar: non mi pronuncio, anche perché l’ho già fatto in questo post.

A questo punto mi si potrebbe obbiettare che i film che non ho visto sommati a quelli che ho salvato raggiungono una cifra superiore alla metà del totale. È vero. Ma il problema è che, nella stagione 2009-2010, sono usciti film decisamente più interessanti e curati sotto tutti i profili – regia, fotografia, sceneggiatura, recitazione.
Ecco il mio elenco, una lista che è più un suggerimento che una classifica.
Fare la classifica spetta a voi dopo averli visti.

I (veri) migliori film del 2009-2010:

Il nastro bianco di M. Haneke;
Il segreto dei suoi occhi di J. J. Campanella;
Lourdes di J. Hausner;
Toy Story 3 di L. Unkrich;
Up di P. Docter e B. Peterson;
L’uomo nell’ombra di R. Polanski;
Revanche - Ti ucciderò di J. Krisch;
Il profeta di J. Audiard;
The Road di J. Hillcoat;
A Serious Man di J. e E. Cohen.

Ed ecco la Top of the Flops:

Predators di N. Antal;
The Final Destinations 3D di D. R. Ellis;
Iron Man 2 di J. Favreau;
Alice in Wonderland di T. Burton;
2012 di R. Emmerick;
Shutter Island di M. Scorsese;
Fuori controllo di M. Campbell;
Parnassus di T. Gilliam;
L’uomo che fissava le capre di Grant Heslov;
Rec 2 di J. Balaguerò e P. Plaza.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it