mercoledì 20 ottobre 2010

"Imperial Bedrooms" di Bret Easton Ellis. Recensione


1985. La matricola Clay – studente nel New Hampshire – ritorna a Los Angeles per le vacanze di Natale. Qui ritrova l’insoddisfazione, i genitori idioti, le auto di lusso, lo champagne, le abbronzature forzate, gli idromassaggi, i markettari e la droga a fiumi – cocaina, mescalina, LSD, canne, joint etc. I diciottenni strafatti della West Coast si muovono in un’aria saturata dalle note degli Human League, di Elvis Costello, degli Eagles, di Prince, e ancora dei Led Zeppelin, dei Doors, dei Clash, degli U2, di Sting, dei B52’s, di Billy Idol. Questo è Less Than Zero, con cui tutto ebbe inizio.

2010. Clay – sceneggiatore di successo – ritorna a Los Angeles per le vacanze di Natale. Qui ritrova i suoi vecchi amici – Blair, Julian, Trent, Rip –, quasi tutti impegnati nell’industria cinematografica. Dopo venticinque anni sono ancora strafatti, sempre più insoddisfatti, psicotici, rifatti, vuoti. Clay, che è continuamente pedinato da un’auto nera, riceve strani messaggi sul suo iPhone ed assiste ad un omicidio grazie all’applicazione di YouTube. L’aria non è più satura di note come negli anni Ottanta. Qua e là risuona qualche melodia di Elvis Costello, di David Bowie, dei The Fray. Questo è Imperial Bedrooms, letto tutto d’un fiato.

Forse Ellis non ha veramente più nulla da raccontare. O forse questi fottutissimi "anni zero" non hanno nulla di rilevante da dire e Bret ha centrato il bersaglio ancora una volta. 

3 commenti:

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

appena iniziato...
però non mi va di leggerlo tutto d'un fiato, voglio conservarmelo per un po'

A.V. ha detto...

Fai bene. Bisogna metabolizzarlo un pò alla volta. Tanto è vero che - anche se la mia prima lettura è stata abbastanza approfondita - mi sono riproposto di rileggerlo.

Anonimo ha detto...

Ellis ha smesso di scrivere da Glamurama

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it