lunedì 15 novembre 2010

Guardare o non guardare (ancora una volta) Vieni via con me?

Sicuramente invito, chi questa sera sa che guarderà la tv, a sintonizzarsi su Rai3. Ma non perché lo spettacolo sia da seguire, piuttosto perché non c’è nulla di meglio da vedere in tv. E questo è desolante. Desolante perché Vieni via con me non ha offerto, e penso non offrirà neanche stavolta, uno spettacolo utile alle coscienze. Ma intanto, perché parlo di spettacolo? Semplicemente perché la trasmissione di Fazio/Saviano non si discosta molto dalla tradizione del varietà: ospiti conosciuti più o meno in tutt’Italia, musica, pubblico in studio, apparato scenografico, ecc. Manca solo Fiorello.

Ma ora cercherò di analizzare in dettaglio le parti di cui si compone il programma.

I protagonisti
Saviano
La sua funzione non è ben definita. Per due ragioni.
La prima: non è televisivo. Ma questo aspetto non è poi così importante.
La seconda: ci sono giornalisti nel sud dell’Italia che non hanno la Mondadori che li difende. Ci sono giornalisti nel sud dell’Italia che vengono licenziati senza motivo perché hanno parlato di mafia o di collusione mafiosa. Ci sono giornalisti nel sud d’Italia che non hanno la scorta. Ci sono giornalisti nel sud d’Italia che hanno paura per la propria famiglia ed i propri parenti. Saviano, invece, almeno la scorta ce l’ha e ha anche una casa editrice che lo difende e che mai lo licenzierebbe (fintantoché venderà). A fronte di tutto questo mi chiedo: perché non si sbilancia? Perché, invece di parlare di eroi del passato che tutti conoscono e che i più hanno riabilitato, non ha fatto nomi e cognomi della mafia contemporanea e di chi "lotta contro"? Perché non ci ha aiutato a distinguere il marcio di oggi da ciò che dobbiamo salvare?
Infine, basta fare di Saviano un martire! Di questo la colpa non è sua. Sono colpevoli tutti coloro che lo trattano così solo per vendere più copie o, in questo caso, fare più ascolti.

Fazio
Un furbo chierichetto.

Benigni
Ormai attaccare Berlusconi è diventata un’operazione tanto scontata quanto ridicola. Non fa più sorridere e non produce risultati

Le liste
Una riproposizione trita e ritrita della celentaniana dicotomia rock/lento. Inutile soffermarsi sugli elenchi finali, ovvero sui motivi per andarsene o non andarsene dall’Italia. Non hanno senso di esistere. Ci sono e ci saranno sempre coloro che "guardano e passano" (o meglio, se ne vanno) e coloro che "guardano, si incazzano, si fermano e cercano di cambiare le cose". Chi ha ragione tra i due? Entrambi.

Cosa si salva
Tutto e niente.

Tutto perché il livello della televisione italiana è talmente basso che una trasmissione come questa non fa fatica a distinguersi dal vuoto pneumatico.

Niente perché non si capisce quale sia il fine di questa trasmissione. Approfondimento? No. Varietà? Forse. Antimafia? No. Tentativo di dare un’ultima e decisiva spallata al governo? Megalomania pura. Intento pedagogico? Neanche questo. C’è chi dice che una trasmissione come questa serva almeno per sensibilizzare gli spettatori su alcuni importanti temi della vita in società. Tentativo fallito.

4 commenti:

Angie ha detto...

eh, si può anche non guardarla la tv: non è obbligatorio... la trasmissione serve a loro per farsi bei soldini (dai nostri abbonamenti, che "non possiamo" neanche scegliere)!

Noir ha detto...

Purtroppo hai ragione, si ammantano di funzione sociale e invece fanno solo pena, almeno a me, ma vedo che non sono l'unica!

A.V. ha detto...

Seconda puntata.

Bersani = lista pacifista.
Fini = lista patriottica.
Ma quante novità!

L'unica cosa positiva il tentativo di Saviano di parlare delle infiltrazioni mafiose in Lombardia.
Risultato: il putiferio!
Questo comincia a piacermi.

L.Z. ha detto...

Sì finalmente un attacco diretto

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it