lunedì 12 luglio 2010

In viaggio con Adler


«Le cose peggiori che possano capitare all’uomo sono descritte qui come fossero leggere, tenui e superabili; come se non potessero nuocere all’anima. Io dico che Lei ha restituito speranza alla letteratura moderna».
Questo scrive Elias Canetti in una lettera ad Hans Günter Adler, pubblicata in apertura del romanzo Un viaggio (Eine reise), finalmente tradotto in italiano dall’editore Fazi nel centenario della nascita dell’autore e a ben quarantotto anni dalla pubblicazione in Germania.
Il viaggio narrato da Adler, ebreo nato a Praga nel 1910, è quello che lo portò verso alcuni dei più temuti lager del tempo: da Theresienstadt ad Auschwitz, dove la moglie e la madre furono uccise, poi a Niederorschel, sottodivisione di Buchenwald e infine a Langestein-Zwieberge da cui, nel 1945, fu liberato. Anni dopo, trasferitosi a Londra, Adler decise di ricomporre i pezzi della drammatica esperienza vissuta, attraverso un linguaggio capace di comunicare la quotidianità del terrore, per dar vita a una narrazione oggettiva, disillusa, priva dell’indicazione esplicita di aguzzini e vittime, nella quale la vicenda dei protagonisti è calata in uno spazio e in un tempo universali, mai direttamente riferiti alla Shoah.
H. G. Adler, Un viaggio, Fazi, 2010.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it