venerdì 18 marzo 2011

Novità da Blockbuster. Cosa vedere e cosa no

Da vedere

The Town
di Ben Affleck
con Ben Affleck, Rebecca Hall, Jon Hamm, Jeremy Renner
Thriller, 125 min., Usa, 2010
***

Buona regia per un film che non rivisita o rielabora un genere (quello delle rapine a banche e furgoni porta valori), ma semplicemente lo riprende e lo espone in maniera lineare. E c’è anche spazio per la storia d’amore. Hollywood all’ennesima potenza, senza pasticci. Finalmente.


Uomini di Dio
di Xavier Beauvois
con Lambert Wilson, Michael Lonsdale, Oliver Rabourdin
Drammatico, 120 min., Francia, 2010
***

Algeria, 1996. Una comunità di monaci benedettini vive con la popolazione locale, aiutandola e soccorrendola. La minaccia del fondamentalismo islamico intanto cresce. Il film è praticamente diviso in due. Da una parte la vita dei monaci nel monastero; dall’altra la loro vita in mezzo alla gente, spesso povera e malata. C’è chi ha parlato di esercizio di stile. Lo è, ma senza alcuna innovazione.

Da vedere (con riserva)

Cattivissimo me
di Pierre Coffin, Chris Renaud, Sergio Pablos
Animazione, 95 min., Usa, 2010
** ½  

Ok, la Universal ha fatto bene il suo lavoro rischiando di avvicinarsi alle vette di Pixar e Dreamworks. Ma qui siamo ancora anni luce da Toy Story 3 e Wall-E. C’è chi obbietterà e dirà che questi ultimi sono più per un pubblico adulto che per un pubblico di bambini. Osservazione scontata ma appropriata. Forse il giusto modo per leggere l’opera. E allora diciamo che rubando un po’ di là e un po’ di qua (vedi gli spunti presi da Up e da Mission Impossible), i registi sono riusciti a fare un buon prodotto per il pubblico dei più piccoli. Lineare, graficamente gradevole e animato da buoni sentimenti.

Animal Kingdom
di David Michod
con Guy Pearce, Ben Mendelsohn, Joel Edgerton
Drammatico, 112 min., Australia, 2009
**

Uso e abuso del ralenti e di scene auliche in questo film australiano dove la vendetta ha prontamente occupato lo spazio della speranza. Pensate ancora che nella famiglia si possa trovare riparo da qualsiasi problema e/o minaccia? Allora questo è il film che fa per voi. Ma attenzione a droga, sangue e… amore materno.


Innocenti bugie
di James Mangold
con Tom Cruise, Cameron Diaz, Peter Sarsgaard
Azione, 110 min., Usa, 2010
**

Sparatorie, morti a profusione, esplosioni ecc. ecc. Cruise e la Diaz sono bravi, non c’è che dire, e il film ha ritmo e la giusta quantità d’azione. Sembra un remake di Mr. & Mrs. Smith, ma più riuscito, più ironico. Adatto per stendersi sul divano dopo una giornata di lavoro e scollegare il cervello prima di andare a dormire.

1 commenti:

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

questa volta mi trovi decisamente d'accordo.
the town per me è un filmone, animal kingdom invece modesto e innocenti bugie senza troppe pretese ma divertente il giusto.
cattivissimo me mi sono addormentato dopo mezzora e ho deciso di rinunciare...

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it