lunedì 21 marzo 2011

2001-2010. In ricordo degli anni zero. 2010

Islanda, 20 marzo
Un vulcano contro l’Europa

Eruzione del vulcano islandese Eyjafjoll (che l’ultima volta era stato attivo tra il 1821 e il 1823). La nube di cenere provoca l’evacuazione di circa 600 persone e soprattutto la chiusura degli spazi aerei e di vari aeroporti, dal Regno Unito all’Italia, bloccando i cieli d’Europa per una settimana e causando alla compagnie aeree danni per milioni di euro. Il 4 maggio si verifica un aumento dell’eruzione e delle missione di cenere, e migliaia di voli vengono ancora una volta cancellati. Il 29 agosto, a Sumatra, in Indonesia, si risveglia dopo 410 anni il Sinabung.

USA, 20 aprile
Un mare di petrolio

La piattaforma petrolifera Deepwater Horizon, affiliata alla Bp, al largo della costa della Louisiana, provoca il disastro ambientale più grande della storia degli Stati Uniti. La piattaforma esplode, si incendia, muoiono 11 uomini. Due giorni dopo si rovescia e le valvole di sicurezza, all’imboccatura del pozzo a 1.500 metri di profondità, non funzionano: il greggio fuoriesce per 106 giorni, 15 milioni di barili di petrolio si riversano nel Golfo del Messico. Il 19 settembre il pozzo viene cementato. Barack Obama chiede i danni alla Bp.

Italia, 27 settembre
La rivolta degli studenti

Sciopero della scuola contro la Riforma Gelmini per l’Università, ovvero il ddl S.1905 (alle scuole superiori si era provveduto con la legge 6 agosto 2008, n. 133, e la legge 30 ottobre 2008, n. 169). Gli studenti universitari e i ricercatori si mobilitano e occupano il Colosseo, la Torre di Pisa, stazioni ferroviarie, autostrade, i tetti degli atenei. Il 30 novembre la Camera approva il disegno di legge. Dario Franceschini, Pd, parla di «riforma fatta solo di tagli». Prima del passaggio al Senato, si attende che il governo il 14 dicembre ottenga la fiducia.


Internet, 28 novembre
La diplomazia messa a nudo

Il sito internet WikiLeaks lancia in rete i documenti riservati della diplomazia Usa: oltre 200mila file, di cui 3.012 sull’Italia. Dai giudizi sferzanti dei diplomatici statunitensi non si salva nessun Premier del mondo. Il 3 dicembre il sito si oscura per 6 ore dopo attacchi informatici. Julian Assange, fondatore di WikiLeaks (minacciato di morte), interviene in chat sul Guardian: «Se ci succede qualcosa i documenti più importanti saranno diffusi automaticamente». Il 6 dicembre si consegna alla polizia londinese inseguito da un mandato di arresto per stupro.

1 commenti:

Sandra ha detto...

Caspita , ricordo il vulcano soprattutto: avevo un volo prenotato per Londra...CESTINATO!

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it