martedì 10 maggio 2011

Novità da Blockbuster. Cosa vedere e cosa no

Da vedere

Kill Me Please
di Olias Barco
con Aurélien Recoing, Virgile Bramly, Daniel Cohen
Grottesco, 95 min. Belgio, Francia, 2010
***1/2

Il Dr Kruger crea un ospedale in cui assistere i suicidi. La sua clinica raccoglie un gruppo di strani personaggi che se la dovranno vedere con le ire della popolazione circostante.
Buone le premesse per il film che è stato osannato allo scorso Festival del Cinema di Roma. Effettivamente quest’opera ha ottimi punti di forza. In primis un bianco e nero impeccabile che non ti lascia staccare gli occhi dallo schermo nemmeno per un minuto. Secondo: la storia è intrigante e morbosa al punto giusto. Quello che però lascia perplessi è il fatto che il regista e gli sceneggiatori abbiano a volte trattato il delicato tema del suicidio in modo fin troppo spregiudicato. Sicuramente si obbietterà che questo è un film grottesco. Senza ombra di dubbio. Ma vedere una ragazzina aspirante suicida (perché affetta da una gravissima malattia) essere vittima di un tentativo d’abuso da parte di un altro paziente sconfina sicuramente nel cattivo gusto. Soprattutto se si conta che, nello svolgimento della storia, ci sono trovate tragicomiche riuscite e appropriate al tema. Meriti e colpe di Bouli Lanners? (Non so se avete presente Louise Michel. Spero per voi di no).

L’esplosivo piano di Bazil
di Jean-Pierre Jeunet
con Danny Boon, André Dussolier, Nicolas Marié
Commedia, 105 min. Francia, 2009
*** 

A metà tra Il favoloso mondo di Amélie (per la tecnica) e Slevin – Patto criminale (per la storia), l’opera di Jeunet fila liscia come l’olio senza intoppi o incidenti di percorso. Certo, il miele scorre a fiumi, ma fa sempre bene vedere due trafficanti d’armi che vengono messi alle strette da un uomo caduto in disgrazia a causa loro. Per rilassarsi e veder trionfare i buoni sentimenti.

2 commenti:

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

su kill me please ho sentito pareri parecchio discordanti..
l'altro non mi attira proprio, anche perché non voglio veder trionfare i buoni sentimenti! :)

A.V. ha detto...

Tutto sommato Kill Me Please te lo consiglio. Secondo me la storia, oltre che la tecnica, ti potrebbe piacere. Quello di Jeunet è evitabile.

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it