lunedì 17 gennaio 2011

Novità da Blockbuster. Cosa vedere e cosa no

Da vedere

Departures (Okuribito)
di Yojiro Takita con Masahiro Motoki, Ryoko Hirosue, Kazuko Yoshiyuki
Drammatico, 130 min. Giappone 2008
****

Come riuscire a parlare in modo chiaro e pulito della Vita, attraverso il rapporto che i vivi instaurano con i defunti. Yojiro Takita ne è capace, e sembra non fare nemmeno tanta fatica. Chapeau.



Da vedere (con riserva)

Amabili resti (The Lovely Bones)
di Peter Jackson con Mark Wahlberg, Rachel Weisz, Susan Sarandon, Stanley Tucci
Drammatico, 135 min. Usa, Gran Bretagna, Nuova Zelanda 2009
**

«Nonna Lynn mi predisse che avrei avuto una vita lunga e felice perché avevo salvato mio fratello. Come al solito nonna Lynn si sbagliava». Susie Salmon è un’adolescente responsabile (ha salvato il fratellino) e insicura, amante della fotografia naturalistica e di un ragazzo inglese che inaspettatamente la invita ad uscire. Il 6 dicembre 1973 la quattordicenne Susie viene stuprata e uccisa dal suo vicino di casa, George Harvey. Da questo momento la vittima guiderà dall’aldilà il padre e la sorella minore in una vendetta che, per lo spettatore, arriverà in modo inaspettato.

Purtroppo il tema, benché la vicenda si svolga negli anni Settanta, è attuale. Troppo attuale. Vedi le vicende di Avetrana e simili. (Spesso l’anima dei defunti non riesce a guidarci nella vendetta). È ottima la tecnica registica, un po’ meno la ricostruzione storica. Quello che non funziona proprio è il modo in cui Jackson decide di parlare dell’aldilà. Lascia infatti perplessi il volerlo raccontare a tutti i costi, ricorrendo soprattutto alle immagini. In poche parole il film fallisce laddove Departures ha successo. Stendiamo dunque un velo pietoso sulla rappresentazione del “luogo di mezzo”, una sorta di anticamera del paradiso dal quale Susie “comunica” con il padre. La storia della vendetta, coincidente con la seconda ora nonché seconda parte del film, non è avvincente come la prima. Non che la prima lo fosse. Finale facile facile.

2 commenti:

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

beh, amabili resti è il mio film preferito dell'anno, quindi il mio parere è opposto

su departures sono invece piuttosto d'accordo, sebbene il mio cuore abbia battuto di più per susie salmon

A.V. ha detto...

Dopo la tua decisione di metterlo come film più bello del 2010 ero pieno di aspettative. Poi, però, non ha retto il confronto con Departures. Secondo me è un pò troppo freddo e metafisico (non che la metafisica non mi piaccia). Il fatto è che argomenti come questo vanno trattati, se si vuol essere efficaci, in modo diverso. Poi (e lo sappiamo tutti) dipende molto dalla sensibilità personale. Fermo restando che la tecnica è ineccepibile.

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it