martedì 21 agosto 2012

Remember Us: Magnolia, Canicola, The Breakfast Club

Canicola
di Ulrich Seidl
con Alfred Mrva, Georg Friedrich, Maria Hofstatter
Drammatico, 120 min., Austria 2001
*** ½

Non mi piacciono le frasi fatte. Né i modi di dire. Ma in questo caso l’espressione “pugno allo stomaco” rende bene l’idea. Perfette villette a schiera nei quartieri periferici di Vienna  accentuano il dramma dei “vinti”, persone comuni che hanno perso o rischiano di perdere qualcosa: chi l’amore, chi il senno, chi il lavoro, chi il rispetto per sé stesso. Il caldo e il sudore accentuano la dimensione corruttibile e degenerativa dei corpi. Nota di servizio: un personaggio maschile gioca a tennis nella piscina vuota della propria abitazione. Vi ricorda qualcosa?


The Breakfast Club
di John Hughes
con Emilio Estevez, Judd Nelson, Molly Ringwald, Anthony Michael Hall
Drammatico, 96 min., USA, 1985
***

Film generazionale che più generazionale non si può. Una sorta di Gioventù bruciata anni Ottanta. Cinque liceali (tre ragazzi e due ragazze) passano un pomeriggio in punizione nella biblioteca della scuola con un compito: scrivere un tema dal titolo “Chi sono io?”. Come potete immaginare sarà il film a dircelo, facendoci scoprire poco alla volta il carattere, i problemi e le aspirazioni di ognuno di loro. Inutile dire che, nel solco della migliore tradizione cinematografica holliwoodiana, ogni personaggio è stereotipato all’ennesima potenza. C’è la ricca che ha tutto, il ribelle odiato dalla famiglia, lo sportivo stritolato dalle aspettative del padre, il nerd che deve sempre prendere bei voti, la bruttina votata alle arti che diventa cigno. Per il genere la sceneggiatura è ottima (di John Hughes, per intenderci quello di Mamma ho perso l’aereo). Colonna sonora da “sturbo” (per rimanere in clima anni Ottanta). Pietra miliare.


Magnolia
di P. T. Anderson
con Tom Cruise, Julianne Moore, Philip Baker Hall, Jason Robards
Drammatico, 160 min., USA, 2000
***

Pensavo di trovarmi di fronte al capolavoro dei capolavori, perché le premesse c’erano tutte: attori rodati, ottimo regista, scena finale entrata nella leggenda, durata che sfiora le 3 ore. E invece… Invece non nascondo di essermi annoiato. Il film ha, infatti, un doppio volto. La prima ora e mezza è accattivante, la seconda ridondante. La colpa non è della tecnica registica, ineccepibile. E neppure della recitazione dei personaggi (ottimi Cruise e Moore). Il problema è la sceneggiatura. Sembra una copia venuta male di America Oggi (Short Cuts) di Robert Altman. Punto.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it