domenica 30 dicembre 2012

Remember Us: Il conformista, Albert Nobbs, L'uomo puma, Il pranzo di Babette, Poetry

Il conformista
di Bernardo Bertolucci
con Jean-Luis Trintignant, Stefania Sandrelli, Dominique Sanda, Gastone Moschin
Drammatico, 112 min., Italia-Francia-Germania Ovest, 1970
*** ½

Ciò che colpisce di questo film è sicuramente la ricerca puntigliosa dell’inquadratura perfetta e la costruzione del racconto. Tratto da un romanzo di Moravia, non tradisce i temi cari allo scrittore (soprattutto la critica alla società borghese) ma li piega alle proprie esigenze. Ci sono così, in nuce, tutte le tematiche che troveremo nella produzione bertolucciana successiva: la contrapposizione fascisti/antifascisti, le manifestazioni di piazza al grido di bandiera rossa, il sesso come convenzione sociale.


Poetry
di Lee Chang-dong
con Jeong-hie Yun, Da-wit Lee, Hira Kim
Drammatico, 139 min., Corea del Sud, 2010
***

Come rappresentare la miseria umana attraverso la frizione tra la bellezza (la voglia di poetare dell’anziana protagonista) e la bruttezza (ciò che ha fatto il nipote insieme ai suoi amici e la reazione dei genitori) che abitano la società. Operazione riuscita, pur con qualche sbavatura.


Il pranzo di Babette
di Gabriel Axel
con Stéphane Audran, Brigitte Federspiel, Bodil Kjer, Jarl Kulle
Commedia, 102 min., Danimarca, 1987 ** ½

In un paesino danese di fine XIX secolo due sorelle castrate dal padre pastore protestante accolgono una donna francese che anni dopo si sdebiterà preparando una maestosa cena alla francese che riporterà l’armonia tra i litigiosi seguaci della loro comunità religiosa. Sarà la "deformazione Masterchef", ma della cena qui si vedono solo i piatti finiti e a noi interesserebbe di più la preparazione o, in alternativa, una riflessione meno buonista della società protestante dell’epoca. Trasposizione fin troppo lineare di una storia di Karen Blixen che è riuscita ad aggiudicarsi l’Oscar al miglior film straniero nel 1988.


Albert Nobbs
di Rodrigo Garcìa
con Glenn Close, Mia Wasikowska, Aaron Johnson, Janet Mc Teer
Drammatico, 113 min., Gran Bretagna-Irlanda, 2011
**

Film sull’identità sessuale? No. Film sulla società inglese di fine XIX secolo? No. Esercizio di stile? Neanche. Breve storia spalmata su due ore che poggia tutta sulla buona recitazione di Glenn Close. Cosa rimane? Quasi nulla. Finale patetico.




L’uomo puma
di Alberto Di Martino
con Walter George Alton, Miguel Angel Fuentes, Donald Pleasence
Trash, 96 min., Italia, 1980
*

Classico del cinema trash. E non poteva essere altrimenti. Solo un genio "del cinema spazzatura" poteva concepire un supereroe chiamato Uomo Puma che vola come Superman e che, per giustificare la sua natura felina, tiene le dita delle mani a mo’ di artigli?

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it