lunedì 17 maggio 2010

Quinta lezione (14 maggio 2010) I


Requiem per la carta stampata?
Al salone del libro di Torino quest’anno non ha fatto notizia la qualità dei libri usciti ed in uscita. La scena è stata tutta per i supporti che si stanno sviluppando per visualizzarli. Di conseguenza si fanno sempre più ricerche sui cosiddetti "nativi digitali" che potrebbero fruire di queste nuove tecnologie. Ma quali sono queste nuove tecnologie?
Ora ci sono i TABLETS. Questi, sino a qualche anno fa, costavano un migliaio di dollari. Ora, invece, il prezzo è sceso a 500 dollari. Ci sono gli E-Reader, supporti dello spessore di qualche centimetro che permettono di sfogliare virtualmente il giornale o il libro che si desidera visualizzare.
Editoria e pagamenti
A detta di molti, i servizi internet dovrebbero essere gratuiti. Del resto internet è un servizio gratuito per definizione. Però, da questo assunto, nasce una domanda fondamentale per il futuro dell’editoria: i contenuti editoriali devono essere gratuiti o a pagamento? Dare una risposta risulta un’operazione assai ardua. Se si rendessero gratuiti i contenuti editoriali dovrebbero lievitare, per compensazione, i prezzi dei vecchi supporti, come la carta stampata. Ma sappiamo che tutto ciò non è possibile. Farli pagare allora? Chi ci ha provato ha rischiato di affondare.
Qual è ora il futuro dell’editoria? Per adesso i tablets. Tra questi c’è quello prodotto dalla Apple, l’iPad, che arriverà in Italia a giugno. Per quella data i grandi gruppi editoriali usciranno con dei programmi ad hoc. E come si farà a pagare le visualizzazioni? Le tariffe ormai le decidono i produttori delle macchine, non i creatori di contenuti. Apple, ad esempio, ha deciso che farà pagare la visualizzazione dei quotidiani o 0,79 o 1,39 euro.
Ora il problema riguarda sempre più i giornali. Con il web, infatti, tutto ciò che è su supporto cartaceo è andato in crisi. Ma torniamo al primo problema. Se ogni cosa sulla rete, in ambito editoriale, sarà gratuita, questo decreterà un suicidio volontario per lavoratori ed editori. E il fatto è che sono stati proprio questi ultimi a commettere in passato un gravissimo errore, mettendosi in concorrenza tra di loro sul web a colpi di servizi gratuiti.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it