sabato 18 settembre 2010

I'm still here è un bluff

Solo due anni fa Joaquin Phoenix sembrava deciso a chiudere la sua carriera cinematografica per diventare un cantante rap. A febbraio 2009, ospite al Late Show di David Letterman per promuovere il suo ultimo film (Two Lovers), Phoenix era del tutto irriconoscibile: occhiali scuri, lunghi capelli arruffati, barba incolta, risposte svogliate e farneticanti. Alla fine dell’intervista, dopo interminabili e imbarazzati silenzi, Letterman lo congedò dicendo: «Joaquin, mi dispiace che stasera tu non sia potuto essere qui».

I’m still here, l’attesissimo documentario dedicato a quest’ultima controversa parte della vita di Phoenix, era uscito nelle sale americane la settimana scorsa, suscitando una straordinaria curiosità nel pubblico, impaziente di sapere quanto di vero ci fosse in tutta questa storia.

Oggi però il regista Casey Affleck, amico e cognato dell’attore, in un’intervista al New York Times confessa ufficialmente che è stato tutto concepito come un esercizio di recitazione: non solo il (finto) documentario, ma anche la trasformazione estetica, il comportamento da Letterman, e la stessa instabilità di Phoenix. «Non volevamo prendere in giro nessuno, volevamo creare uno spazio, in modo che il pubblico potesse osservare il crollo di una star del cinema senza preconcetti».

Dunque nulla di ciò che si racconta nel documentario è successo davvero, neppure le scene iniziali, in cui si lascia credere che il piccolo Phoenix stia nuotando in un laghetto di Panama con i suoi fratelli: «L’abbiamo girato alle Hawaii con degli attori», spiega Affleck «l’abbiamo registrato su una vecchia cassetta di “Paris, Texas” perché le immagini fossero più sporche».

A quanto pare la geniale trovata sta sortendo i suoi effetti: in Italia I’m still here è stato presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia, mentre secondo indiscrezioni Phoenix sta già ricevendo numerose offerte per nuovi film e il prossimo 22 dicembre si ripresenterà da David Letterman, nella stessa cornice in cui aveva lasciato sconvolti i suoi fan con frasi inebetite e assenti.

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it