martedì 14 settembre 2010

Imperial Bedrooms uscirà ad ottobre

La copertina originale di Imperial Bedrooms

La sua scrittura è ritmata, il suo umorismo caustico e tagliente, la sua visione della vita cinica. Lui è Bret Easton Ellis, uno dei migliori scrittori statunitensi della contemporaneità.

Meno di Zero, la sua opera prima datata 1985, lo ha imposto all’attenzione del grande pubblico con una storia che scorre sul filo di un rasoio dalla lama arrugginita. Clay è lo spettatore consapevole di un mondo fatto di apparenze, droga ed eccessi: facile ferirsi l'anima.

La carriera ha poi avuto la sua logica prosecuzione con la pubblicazione de Le regole dell’attrazione (1987), reso ancor più famoso dalla riduzione cinematografica di Roger Avary del 2004.

Ma è con American Psyco (1991) che Ellis ha fatto il botto. L’opera, infatti, mette a nudo la società yuppie della New York degli anni Ottanta con la lucidità che solo un’opera metaforica può avere. Qui Patrick Bateman è un moderno Dottor Jekyll: di giorno uomo di successo, di notte killer seriale che sevizia e uccide nei modi più morbosi le sue vittime.

Poi, nel 1994, è stata la volta di Acqua dal sole, una raccolta di racconti dei tempi del college che ha trovato la sua trasposizione cinematografica nel film The Informers (2009), con attori del calibro di Winona Ryder, Kim Basinger, Billy Bob Thornton, Mickey Rourke e Chris Isaak.

Se Glamorama (1999) ha messo a nudo gli eccessi della Mecca del cinema, Los Angeles, il suo ultimo romanzo, Lunar Park, uscito nel 2005, rimane il suo ultimo romanzo. Ancora per poco però, perché questo ottobre uscirà per Einaudi Imperial Bedrooms, seguito di Less Than Zero.

Da non perdere, perché tra le dichiarazioni che il nostro caro Bret ha rilasciato ci sono anche queste: «Penso che questo potrebbe essere il mio ultimo libro, visto che ho esaurito tutte le idee e non ho più lavori nel cassetto». Sarà vero? Rispondo con un dannunziano "me ne frego", perché Bret è Bret e può fare quello che vuole.

2 commenti:

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

non vedo l'ora!!!

sono un brettiano doc (ho fatto pure la mia tesi di laurea sui suoi lavori) e quindi non vedo l'ora (l'ho già detto?)

Anonimo ha detto...

anche io ho fatto la mia tesi sul grande bret!
fantastico

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it