mercoledì 13 ottobre 2010

Chi (non) ha capito Inception?

A oltre due settimane dall’uscita italiana, abbiamo avuto tutto il tempo di vederlo, rivederlo, digerirlo, analizzarlo, studiarlo e dibatterlo.

È arrivato dunque il momento di tirare le somme.

Quello che da più parti è stato definito come “il film più complesso della storia del cinema” (Mereghetti), rivelerebbe in realtà una trama piuttosto semplice e lineare, sulla cui conclusione si addensano i maggiori interrogativi: insomma, questa trottola cade o no?
Fuor di metafora, il finale è una proiezione mentale del protagonista, o Cobb riesce davvero a riabbracciare i figli?

In questa domanda risiede il senso dell’intero film.

Già a luglio Slate aveva raccolto e riassunto le quattro teorie più accreditate, oggi riproposte dal Post:

1. Non c’è nulla da capire

Secondo questa tesi nel film succede esattamente ciò che sembra: Saito ingaggia la squadra di Cobb per innestare un’idea nella mente del ricco ereditiero Fischer, la missione ha successo e alla fine Cobb torna a casa dai suoi figli.

In alternativa Cobb rimane intrappolato nel limbo e la conclusione a cui assistiamo è solo una manifestazione del suo subconscio.

In effetti, dal risveglio di Cobb in avanti, tutto procede in modo fin troppo perfetto e così nasce il sospetto che il finale sia troppo bello per essere vero. Inoltre i bambini non sembrano essere cresciuti, indossano vestiti quasi identici e si trovano nella stessa posizione in cui erano nei ricordi di Cobb: il tutto sembra suggerire che la scena non sia altro che una proiezione del suo subconscio.
Tuttavia, osservando più attentamente, si può notare che, rispetto alle scene precedenti, in quella finale la bambina è interpretata da un’altra attrice e, soprattutto, è presente il padre di Cobb, interpretato nel film da Michael Caine il quale, durante un’ intervista alla BBC Radio, ha escluso categoricamente che la conclusione sia un sogno: «La scena è vera, perché io sono presente mentre nei sogni non ci sono mai».

2. Il quinto livello

L’oggetto dell’inception è Cobb e tutto il film costituisce un suo sogno. L’idea che i suoi compagni cercano di innestargli comporta la liberazione dal senso di colpa provocato dal suicidio della moglie Mal e rappresenta la conseguenza logica della frase che si scambiano più volte lui e Saito: “Vuoi diventare un vecchio, pieno di rimpianti, in attesa di morire solo?”. Il significato velato sarebbe: torna a casa dai tuoi figli, non lasciare che i rimorsi rovinino la tua vita.

Secondo questa teoria i livelli onirici non sarebbero quattro, ma cinque, mentre quello reale non sarebbe mostrato mai.

3. È tutto un sogno

Nulla di ciò che vediamo esiste davvero, è tutto un sogno di Cobb: nessuna squadra, nessuna innovativa tecnologia per estrarre o innestare idee alle persone durante il sonno. Sarebbe solo il subconscio di Cobb che si manifesta in un sogno particolarmente intricato per espiare il senso di colpa derivato dal suicidio della moglie. Una teoria, questa, eccessivamente semplicistica, che invaliderebbe le premesse di un film costruito fin nel minimo dettaglio.

4. Il film come metafora della creazione cinematografica

Il regista è l’architetto, le sceneggiature popolano gli ambienti e lo spettatore vive inevitabilmente nell’immaginario di qualcun’altro. Una volta finito il film, quando si riaccendono le luci in sala, si torna al mondo reale. Questa teoria è interessante, ma appare sommabile a qualunque altra delle tre proposte e non chiarisce nulla della trama.

Un indizio per chiarire una volta per tutte il senso del film di Nolan potrebbe essere costituito dalla ormai famigerata "questione dell'anello", che non ha nulla a che vedere con la trilogia di Tolkien. Si tratta invece della fede nuziale che Cobb porta solo nel mondo onirico, mentre essa curiosamente sparisce nelle sequenze riconducibili alla realtà. Quindi il fatto che durante l’incontro finale con i figli Cobb non indossi nessun anello suggerisce che egli effettivamente sia tornato alla realtà.
Tuttavia questo non esclude l’ipotesi che tutto il film, anche il livello reale sia un sogno.

Dunque tutto è possibile ma forse, in fondo, la cosa più importante non è tanto se la trottola cade o no, ma che Cobb non si volti più a guardarla.

1 commenti:

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

il bello del film sta proprio nella libertà di interpretazione. nolan probabilmente avrà un'idea di quale sia l'interpretazione più corretta, ma il finale lascia volontariamente aperte più porte. come a lasciarci un dubbio senza risposta: la realtà in cui viviamo è davvero la realtà?
ma, come dici tu, è meglio fare come cobb e non voltarsi a farsi nemmeno la domanda

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it