lunedì 14 giugno 2010

Ma il futuro è il 3D?

Penso di sì. Ma non sarà la rivoluzione copernicana delle nuove tecnologie. Per ora costituisce solo un piccolo passo di avvicinamento al grande traguardo di cui parlerò tra poche righe. A livello cinematografico il 3D è stato ormai definitivamente sdoganato e, in qualche caso, funziona veramente bene, aumentando la partecipazione empatica dello spettatore alla proiezione. Ora la moda si è consolidata ed è stata adottata anche dalle grandi case di produzione di televisori – Samsung, Sony, Panasonic su tutte – come elemento di novità finalizzato ad aumentare le vendite. Quale sarà, però, la sua evoluzione successiva?
Purtroppo per il 3D non la vedo. O meglio, il 3D sarà funzionale ad un’altra e ben più importante rivoluzione. Scorgo infatti un grande futuro nei videogiochi. Mi riferisco alla Nintendo Wii: la consolle ha aumentato di molto l’interazione tra il giocatore ed il gioco. Ma è ancora poco. L’evoluzione parallela di 3D e piattaforme che aumentano l’interazione dell’utente, però, aprirà enormi prospettive. Per questo, alla luce delle recenti evoluzioni tecniche, mi sento di affermare che il futuro sarà una totale interazione tra l’uomo e la macchina, che riuscirà a creare un mondo virtuale e completamente fruibile. La prospettiva di giocare una partita del mondiale, di passare il pallone ad un campione o fare gol ad una grande squadra già mi esalta. Questa sarà la grande rivoluzione copernicana, e mi fa sinceramente paura.

3 commenti:

Shamalama Ding Dong ha detto...

(Commento fuori luogo: AHAHAHAH!!! No, non Trupo, a meno che non sia il titolare della rete wireless di Jesolo Beach, in questo caso lo AMEREI.)

RoBy1987 ha detto...

Ma non si dice che il futuro è in 4D?!?Più si va avanti e meno si capisce qualcosa :p

A.V. ha detto...

Certo, con realtà virtuale in pratica è come se avessi parlato di 4D.

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it