venerdì 28 gennaio 2011

I pm di Milano come ayatollah che applicano la sharia

Riccardo Mazzoni, deputato del Pdl, parlando dello scontro tra Silvio Berlusconi e la magistratura celebra a modo suo il giorno della memoria:

"Quella della Procura di Milano contro Berlusconi ormai non è più una normale inchiesta giudiziaria, ma una sharia in cui si stravolge ogni regola del diritto e si trasforma un precetto etico-religioso in una legge dello Stato e un presunto peccato in un reato penale. Sono saltate tutte le garanzie processuali, dalla presunzione d’innocenza al segreto istruttorio, e i pm hanno svestito la toga per mettersi addosso la veste degli ayatollah. A quando la lapidazione?"

Bel modo di celebrare il giorno della memoria.

Battuto solo da Emilio Fede che, proprio ieri, ha avuto la grande idea di parlare di informazione «nazista».

3 commenti:

Sandra ha detto...

Ma , quanti "ci fanno.."? , quanti "ci sono..."? Possibile che un essere umano dotato di "normale" intelletto possa pensare e dire castronate simili?

il mahatma ha detto...

come si aggiunge il gadget "ti potrebbero anche interessare"??

A.V. ha detto...

C'ho messo un sacco di tempo prima di capirlo. E ho constatato che è uno di quei problemi dove la soluzione "l'abbiamo proprio sotto il naso". Infatti, basta cliccare sulla scritta grigio chiaro "LinkWithin" che c'è sotto (nel mio caso) i 3 post. Poi, nel sito, non devi fare altro che seguire i passaggi.

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it