lunedì 7 febbraio 2011

Novità da Blockbuster. Cosa vedere e cosa no

Da vedere (con riserva)

Lo zio Bonmee che si ricorda le vite precedenti
di Apichatpong Weerasethakul
con Thanapat Saisaymar, Jenjira Pongpas, Sakda Kaewbuadee, Natthakarn Aphaiwonk
Drammatico, 112 min. Tailandia, Gran Bretagna, Francia, Spagna, Germania, 2010
**

Incantevole nei paesaggi, il film è di un ermetismo disarmante. Poche volte mi è capitato di vedere un'opera così difficile da decifrare, così poco accessibile. Bisognerebbe sicuramente conoscere meglio la cultura thailandese, dato che l'opera è un insieme di racconti, credenze e leggende del luogo. È forte la presenza della filosofia buddista, che si riverbera nella presenza delle anime della foresta e nella presenza di animali parlanti, reincarnazioni di uomini. Molto bella la scena iniziale con un bufalo che riesce a liberarsi da una corda e quella centrale, dove una principessa sfigurata incontra un pesce gatto. Sullo sfondo silenzio, vegetazione lussureggiante e bellissime cascate. Palma d'oro al Festival di Cannes 2010.

Da evitare

I ministri – Giustizia privata
di Frank Reyes
con John Leguizamo, Florencia Lozano, Diane Venora, Harvey Keitel
Poliziesco, 90 min. USA, 2009

Sembra di vedere la brutta copia di un film d'inizio anni Novanta, di quelli con il fumo finto che esce dai tombini dei vicoli di una grande città americana. Come se non bastasse la trama è scarna e tematicamente imbarazzante: due fratelli (non gemelli ma, nonostante questo, interpretati dallo stesso attore, forse per risparmiare) sono integralisti religiosi che, dapprima, uccidono tutti quelli che sono implicati nella morte dei loro genitori e, successivamente, coloro che semplicemente “vivono nel peccato”. La cosa si complica quando uno dei due si innamora della poliziotta alla quale, anni prima, aveva ucciso il padre. Trama e tecnica registica stucchevoli. E quel che è peggio è che la presenza di Harvey Keitel non è più garanzia di film di qualità.

3 commenti:

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

i ministri lo evito con cura :)
dello zio bonmee ho sentito pareri discordanti, ma così su due piedi mi ispira poco

L.Z. ha detto...

io confesso che mi stavo addormentando con lo zio bonmee

A.V. ha detto...

Beh, chi ama "Lo zio Bonmee" o è un orientalista o è un masochista.

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. La riproduzione del titolo, dei testi e delle immagini originali è possibile solo citando con link il sito e l’autore. E’ vietata ogni modifica e utilizzo a scopo commerciale. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Per tal motivo questo non implica l’approvazione dei siti stessi, sui cui contenuti è declinata ogni responsabilità. L'autore, infine, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di Contattarmi per la loro immediata rimozione all'indirizzo andreavighi@inwind.it